Bimbo iperattivo? Occhio all’additivo


 


Additivi e aromi: pericolo per i bambini 

La prestigiosa rivista medico-scientifica “Lancet”, ha da tempo lanciato l’allarme: “Gli additivi aumentano l’iperattività e deficit di attenzione nei bambini”
 
Già  negli anni ’70 alcune ricerche ipotizzavano che certi coloranti fossero legati all’iperattività ”, dice Paolo Aureli, Direttore del Centro nazionale per Qualità  e il Rischio alimentare dell’Istituto Superiore di Sanità  italiano.
Ma c’è dell’altro: la pericolosità  degli additivi non riguarda solo la presunta iperattività  infantile, ma numerosi aspetti della vita, infantile e adulta. Esistono studi seri, poco pubblicizzati, che dimostrano come bambini autistici hanno avuto un notevole miglioramento della loro condizione, eliminando gli additivi dall’alimentazione!
E’ noto che la chimica ingerita, è tanto più pericolosa quanto più delicate sono le condizioni del sistema nervoso ed immunitario. Bambini estremamente sensibili, come gli autistici, o quelli che soffrono di disturbi comportamentali, manifestano maggiormente la tossicità  degli additivi rispetto ad un bambino “normale”.
La ricerca è stata finanziata dall’agenzia britannica per la sicurezza alimentare, Food Standard Agency, secondo la quale l’assunzione di alimenti contenenti additivi chimici causa l’aumento di iperattività  nei bambini tra i 3 e i 9 anni.


297 bambini – alcuni con disturbi di comportamento – sono stati divisi in due gruppi (153 e 144).

Tutti hanno bevuto succo di frutta, ma per alcuni era stato addizionato con un mix di additivi-E. I bambini che hanno assunto il succo addizionato sono risultati più rumorosi, perdevano concentrazione, maggiormente impulsivi, rispetto a quelli che avevano bevuto il succo puro (indipendentemente dai problemi di comportamento)!
Per questo i ricercatori, consigliano ai genitori di non far consumare ai propri figli i seguenti coloranti: E102, E124, E122, E110 e il sodio benzoato E211.
I cibi industriali spesso hanno poco gusto perché le materie prime sono scarse, di qualità  e quantità
perciò per essere venduto va reso più gradevole con aromi – costruiti in laboratorio – che ingannano il cervello dando un gusto accettabile al palato, e additivi per renderli più belli alla vista e al tatto!
L’aroma di un cibo può essere all’origine del novanta per cento del suo sapore! 
Continua qui:
 
Bimbo iperattivo? Occhio all’additivo
La sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD, Attention Deficit/Hyperactivity Disorder) è di nuovo oggetto di discussione tra genitori, pediatri, psicologi e pedagogisti. Dopo l’allarme suscitato dall’eccessiva “medicalizzazione” con cui il problema è stato affrontato, ora i ricercatori studiano terapie alternative  e in particolare indagano gli effetti che potrebbero avere gli additivi alimentari  sui sintomi di questo disturbo del comportamento che interessa un numero sempre crescente di bambini e adolescenti.
Anche in Italia è stato denunciato l’abuso di psicofarmaci prescritti indiscriminatamente da medici e psichiatri (con un’escalation del 280% negli ultimi cinque anni) per curare una “patologia” che potrebbe non essere tale, con il rischio di scambiare per sindrome conclamata di ADHD difficoltà di ordine psicologico, di apprendimento e di socializzazione per le quali una pillola serve a poco. Anzi, fa molti danni.
Negli Stati Uniti erano stati denunciati gli effetti collaterali, in certi casi anche gravi, causati dagli psicofarmaci sui bambini affetti da ADHD, al punto che per il Ritalin – il farmaco più “gettonato” per curare la sindrome – a partire dal 2006 è diventato obbligatorio riportare nelle avvertenze il rischio di infarto, allucinazioni e morte.
Ma non sono stati solo i genitori a nutrire i primi dubbi nei confronti di un approccio esclusivamente psichiatrico-farmacologico e a orientarsi verso cure più naturali: anche a livello scientifico si stanno sperimentando trattamenti meno “devastanti” – per esempio attraverso la fitoterapia o una dieta alimentare mirata –  nei confronti dei quali regnava prima lo scetticismo. In campo fitoterapico ancora non danno risultati significativi le ricerche sull’hypericum perforatum, o erba di San Giovanni, come riporta uno studio pubblicato sul Journal of theAmerican Medical Association, e parimenti sull’echinacea, il ginkgo biloba e il ginseng; più promettenti si sono dimostrati gli studi sull’efficacia di integratori a base di acidi grassi Omega-3.
Ma è il legame alimentazione/ADHD il più indagato al momento dagli esperti, dopo che una ricerca inglese effettuata presso l’università di Southampton – finanziata dalla Britain’s Food Standards Agency e pubblicata nel 2007 sull’autorevole The Lancet – ha messo in evidenza gli effetti peggiorativi degli additivi alimentari sui sintomi di iperattività in un campione di bambini di varie fasce di età cui era stato somministrato o un semplice succo di frutta o una bevanda costituita di un mix di coloranti e conservanti che corrispondevano a una quantità mediamente assuntaquotidianamente da un bambino inglese.
Quale fosse l’additivo incriminato – se il colorante giallo arancio E110 o E104, l’azorubina E122, l’artrazina E102, il rosso cocciniglia E124 o il rosso allura E129, oppure il conservante benzoato di sodio E211 – non è dato sapere, ma comunque sono tutti comunemente presenti in merendine, bibite, gelati, caramelle, succhi di frutta, chewing-gum ecc. di cui bambini e adolescenti fanno largo consumo. Il test non era focalizzato solo su individui affetti da sindrome ADHD, ciò che conferma una volta di più l’importanza di un’alimentazione sana e naturale per la salute psicofisica dei bambini e per il loro rendimento a scuola.
I genitori sono perciò avvertiti: un po’ meno junk food, anche se gustativamente ed esteticamente molto appetibile, e più vitamine e minerali nella dieta dei figli. A meno che non vogliano dar retta a certi pediatri e psicologi, preoccupati che i pargoli possano andare in crisi di astinenza di additivi o che possano manifestare turbe psichiche se non possono più mangiare le stesse cose degli altri bambini.

Redazione Eurosalus lo staff medico di eurosalus

http://www.eurosalus.com/alimentazione-sport/bimbo-iperattivo-occhio-alladditivo

Annunci

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: