Città della Speranza o Macchina da soldi?


Riproponiamo questo articolo sempre attualissimo.

Con l’occasione vogliamo ricordare che tutti i mezzi che utilizzano questi signori per incassare soldi (vedi l’ultima macchinazione [1]) non servono per salvare i bambini ma bensì a stipendiare i medici che vi lavorano all’interno!

Della serie CHEMIO PER TUTTI, mettiamo in evidenza un commento di un attento lettore.

La Città della Speranza, anche con i soldi del popolino, ha costruito un edificio di dieci piani a Padova per debellare le leucemie. ”Debellare le leucemie” così recita la martellante campagna pubblicitaria che comprende anche il gemellaggio ‘virtuale’ con quasi tutti i Comuni del Veneto ai quali è stata imposta l’installazione del relativo cartello all’entrata e all’uscita di ogni centro abitato, deturpando l’ambiente e la segnaletica utile al traffico. La sfrontatezza nella manipolazione mentale del volgo a scopi speculativi a beneficio dell’elite non si può più arginare.

Alvise

Secondo le nostre conoscenze delle Leggi Biologiche scoperte dallo scienziato e oncologo Dott. R. G. Hamer, la LEUCEMIA é una forma di impetuosa moltiplicazione delle cellule del sangue in una fase di riparazione che é sempre positivaIl conflitto che genera la leucemia é la disistima del bambino, la poca considerazione di sè, i conflitti che il piccolo subisce dalla famiglia e dall’esterno.

La mancanza di comprensione di questo problema porta i genitori a considerare i loro bambini come geneticamente “avariati”, mentre ben sappiamo dalle conoscenze della biologia cellulare che le cellule sono sempre sane e vengono modificate non solo per condizioni di tipo alimentare o di tipo genetico ma di tipo ambientale. Un bambino che cresce senza amore, senza sostegno, pieno di conflitti e problemi, carico di disistima, in conflittualità con l’ambiente circostante e, in special modo, coi suoi genitori diventa particolarmente vulnerabile.

Riportiamo solo questa frase del grande Hamer : “Quando in una persona viene constatata una leucemia questa persona deve sentirsi fortunata perché la naturale conclusione della fase di riparazione (leucemia) porterà alla guarigione“. Quindi, papà e mamme, ponetevi delle domande.

Ora, nella consapevolezza e conoscenza di questa presunta malattia, non possiamo che concludere che questa attività milionaria della Città della Speranza sia quanto di peggio si possa immaginare. Non intendiamo con questo anteporci alla medicina ufficiale in quanto non ne abbiamo titolo ma non possiamo fare a meno di riportare quanto altri hanno scoperto e sperimentato da decenni portandone prove documentate e ineluttabili.

Per finire un pensiero triste ricorre anche vedendo i bambini squartati dalle bombe Nato nelle scuole libiche che si ricollegano ad altre bombe sganciate a Gaza negli asili infantili: l’accanimento costante e barbaro contro il bambino, l’anello più debole di una società che i dominanti vogliono prendere con la forza e impedire che si possa perpetrare la vita. Il perché forse va ricercato nell’aumento dei casi di pedofilia e di sparizioni di bambini nonché nel commercio di organi.

Un’altra cosa infame é questa questua continua fingendo di sostituirsi od affiancarsi alla medicina ufficiale, come fanno altre truffaldine associazioni per la presunta ricerca sul cancro che, in tanti anni, non hanno scoperto nulla essendo i casi di malati di cancro aumentati in maniera impressionante.

Ciliegina sulla torta: sempre a Padova esiste ed é finanziata con 50.000 euro all’anno dalla Regione Veneto [5], un Museo della Medicina. Ma si può fare una cosa del genere in una Regione che ha 2 miliardi di debito di cui più del 60% é imputabile alla Sanità????

Ultima constatazione allucinante: Padova, città oramai devastata dalle multinazionali della medicina, dalla globalizzazione e dalla criminalità etnica e dallo spaccio di droga in pieno giorno, é la sola città italiana che ha deturpato il suo centro storico con un mostruoso monumento dedicato all’11 settembre [6], costruito da un certo Daniel Liebskind [7], l’architetto del Museo Ebraico di Berlino [8].

Ma ritorniamo alla Città della Speranza….

 

Chi sono i componenti della fondazione della Città della Speranza?

La Città della Speranza è una Fondazione che finanzia il centro di oncoematologia perdiatrica di Padova e all’interno dello stesso contribuisce alla ricerca scientifica. Oltre 30 milioni di euro raccolti dall’inizio della nostra attività, a cui vanno aggiunti i proventi da eredità pari a circa 4 milioni di euro. Una gestione basata esclusivamente sul volontariato con costi di gestione inferiori al 2%. Obiettivi raggiunti con rapidità, concretezza e trasparenza: un impegno contagioso che non conosce sosta.

La Fondazione “Città della Speranza” nasce il 16 dicembre 1994 in ricordo di Massimo, un bambino scomparso a causa della leucemia, e per sopperire alla mancanza di strutture adeguate presso l’Azienda Ospedaliera di Padova.

Franco Masello, Zilio Virginio, Carlo Mazzocco e il Prof. Luigi Zanesco (all’epoca Direttore della Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova) si sono fatti promotori del progetto riuscendo a coinvolgere imprese e privati cittadini nella raccolta fondi per la costruzione del nuovo reparto di oncoematologia pediatrica. Il nome “Città della Speranza” si ispira ad una analoga fondazione americana: “City Hope” della quale si è voluto prendere spunto per le modalità operative. In particolare per quanto concerne trasparenza, gestione del denaro e concretezza. Si è voluto immaginare che anche i bambini ammalati vivano la loro quotidianità in una città felice, in grado di dare speranza al proprio futuro.

Nel 2006 Franco Masello, per evitare personalismi nella Fondazione, ha lasciato la Presidenza introducendo nello Statuto la clausola che non permette al Presidente di essere nominato per più di due mandati, inoltre si è ritenuto opportuno sottolineare come il ruolo di consigliere sia inconciliabile con incarichi politici.

Dopo aver costruito le strutture ospedaliere la Fondazione si è impegnata a raggiungere altri risultati concreti come la realizzazione dei laboratori di ricerca della Clinica Oncoematologica e del Day Hospital di Padova o il Day Hospital Pediatrico di Vicenza. Inoltre ha realizzato il nuovo Pronto Soccorso Pediatrico di Padova con contributo dell’Azienda Ospedaliera. Oggi il centro di Oncoematologia, condotto dal Prof. Carli, è collegato ai più importanti centri italiani e mondiali ed è un punto di riferimeno regionale specializzato in leucemie e patologie oncologiche. Nel 2010 l’Azienda Ospedaliera ha garantito 800 ricoveri annui (tra reparto e unità trapianti midollo osseo), con 1400 ricoveri annui in regime di Day Hospital e 6946 prestazioni ambulatoriali.

Un grandissimo contributo alla realizzazione delle opere è stata data dall’Ing. Gaetano Meneghello, il quale ha coaudiuvato Franco Masello nella gestione operativa della costruzione. Inoltre prezioso è stato l’apporto dell’Arch. Giuseppe Clemente che ha progettato le opere.

Dal 1999 l’obiettivo della Fondazione è quello di “svuotare l’ospedale”, pertanto ha avviato il finanziamento di progetti e dottorati di ricerca nel campo delle patologie maligne infantili, perchè solo la ricerca può guarire le malattie.

Dati di bilancio

Per far comprendere meglio ai lettori la dimensione stratosferica di questo “business” postiamo il bilancio dell’azienda:

 [10]

Bilancio 2010 – visualizza [11] (pdf)
Bilancio 2009 – visualizza [12] (pdf)
Bilancio 2008 – visualizza [13] (pdf)
Bilancio 2007 – visualizza [14] (pdf)
Bilancio 2006 – visualizza [15] (pdf)
Bilancio 2005 – visualizza [16] (pdf)
Bilancio 2004 – visualizza [17] (pdf)
Bilancio 2003 – visualizza [18] (pdf)
Bilancio 2002 – visualizza [19] (pdf)
Relazione annuale 2010 – visualizza [20]
Relazione annuale 2009 – visualizza [21]
Relazione annuale 2008 – visualizza [22]
Relazione annuale 2007 – visualizza [23]
Relazione annuale 2006 – visualizza [24]
Relazione annuale 2005 – visualizza [25]
Relazione annuale 2004 – visualizza [26]
Relazione annuale 2003 – visualizza [27]
Relazione annuale 2002 – visualizza [28]

 


Article printed from STAMPA LIBERA: http://www.stampalibera.com

URL to article: http://www.stampalibera.com/?p=32683

URLs in this post:

[1] vedi l’ultima macchinazione: http://www.cittadellasperanza.org/2012/12/05/a-natale-un-gesto-di-solidarieta/

[2] Image: http://www.stampalibera.com/wp-content/uploads/2011/10/logo.png

[3] Image: http://www.stampalibera.com/wp-content/uploads/2011/10/citt%C3%A0.jpg

[4] Image: http://www.stampalibera.com/wp-content/uploads/2011/10/memoria-luce-200.jpg

[5] finanziata con 50.000 euro all’anno dalla Regione Veneto: http://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=234721

[6] mostruoso monumento dedicato all’11 settembre: http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Speciali/2007/11settembre/memoria-e-luce.shtml?uuid=27c776a6-5fa2-11dc-b5d3-00000e251029

[7] Daniel Liebskind: http://daniel-libeskind.com/

[8] Museo Ebraico di Berlino: http://www.lsgobetti.it/Viaggi_Istruzione/Berlino_gita/Museo_ebraico.htm

[9] Image: http://www.stampalibera.com/wp-content/uploads/2011/10/0LKQ5GLR-620×385.jpg

[10] Image: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/grafico.png

[11] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/Bilancio2010.pdf

[12] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/Bilancio2009.pdf

[13] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/Bilancio2008.pdf

[14] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/Bilancio2007.pdf

[15] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/Bilancio2006.pdf

[16] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/Bilancio2005.pdf

[17] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/Bilancio2004.pdf

[18] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/Bilancio20031.pdf

[19] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/Bilancio20026.pdf

[20] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/RA2010.pdf

[21] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/RA2009.pdf

[22] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/RA2008.pdf

[23] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/RA2007.pdf

[24] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/RA2006.pdf

[25] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/RA2005.pdf

[26] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/RA2004.pdf

[27] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/wp-content/uploads/2011/06/RA2003.pdf

[28] visualizza: http://www.cittadellasperanza.org/fondazione/la-fondazione/bilanci/relazione-annuale-del-presidente-2002

 

 

Annunci

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

One response to “Città della Speranza o Macchina da soldi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: