Nestlé: Acqua per tutti?


 Ma stiamo scherzando? (video)

L’amministratore delegato della multinazionale spiega il suo punto di vista su ogm, acqua e lavoro. «Solo un estremista può pensare che l’acqua debba essere accessibile a tutti». [Franco Fracassi]
 

L’intervista all’amministratore delegato della Nestlé Peter Brabeck, apparsa nel documentario “We Feed the World”.

di Franco Fracassi

Pensate, ci sono al mondo dei pericolosi estremisti che pensano che l’acqua sia un bene a cui tutti devono avere libero accesso. C’è anche chi pensa che i cosiddetti cibi Bio siano buoni e facciano bene. Ma sono, per l’appunto, estremisti. Non dovrete preoccuparvi, la Nestlé è qui per proteggervi da loro, vendendo cibi ogm e dando un valore commerciale all’acqua. Così ragiona Peter Brabeck. Ne è talmente convinto che non ha avuto problemi a dirlo apertamente in un’intervista video. Ah, dimenticavo, il signor Brabeck è un uomo d’affari austriaco, nonché amministratore delegato della multinazionale svizzera Nestlé.

Ecco il Brabeck pensiero: «Oramai si pensa che tutto ciò che è naturale è buono. È un grosso cambiamento. Perché poco tempo fa ci insegnavano che la natura è senza pietà. L’uomo oramai è capace di gestire gli equilibri naturali. Ma a dispetto di tutto questo, una dottrina si espande e installa l’idea che tutto quello che viene dalla natura è buono. I prodotti Bio, per esempio. Non ci sarebbe niente di meglio. I prodotti Bio non sono i migliori. Dopo quindici anni di consumo di alimenti geneticamente modificati nessuna malattia è apparsa fino ad ora. Ma in Europa ci preoccupiamo di quello che potrebbe accadere. Nuotiamo in piena ipocrisia».


L’amministratore delegato della Nestlé Peter Brabeck.

E a proposito dell’acqua: «Nestlé è il più grande produttore di acqua minerale del mondo. Una canzone folkloristica qui da noi faceva: “Le bestie hanno bisogno di acqua, trallallì trallallà”. Vi ricordate? L’acqua è sicuramente la materia prima più importante sulla Terra. La questione su cui riflettere è: bisogna o no privatizzare l’approviggionamento dell’acqua? Su questa questione si scontrano due punti di vista. Il primo, che definirei estremo, è rappresentato dalle ong, per l’e quali l’accesso al’acqua dovrebbe essere nazionalizzato (quindi pubblico). In altre parole, secondo loro, tutti gli esseri umani dovrebbero avere libero accesso all’acqua. L’altro dice che l’acqua è un prodotto alimentare. E come tutti i prodotti alimentari ha un valore di mercato. È preferibile, secondo me, dare sempre un valore a un prodotto. Dunque, tutti noi siamo coscienti che tale prodotto ha un valore, e che possiamo attuare delle misure adeguate per i settori della popolazione che non hanno accesso all’acqua».

L’azienda e il lavoro: «Credo che la responsabilità primaria di un capo d’azienda sia di assicurare e preservare un avvenire redditizio e di successo alla propria azienda. Perché, soltanto se riusciamo a perpetuare la nostra attività possiamo partecipare direttamente alla risoluzione dei problemi del mondo. Noi abbiamo la responsabilità di creare nuovi posti di lavoro. Qua ne abbiamo creati 275.000, a cui bisogna aggiungerne altri un milione e duecentomila, che dipendono direttamente da noi, che fa un totale di quattro milioni e mezzo, visto che da ogni impiegato dipendono altre tre persone. Per creare posti di lavoro bisogna lavorare molto di più, bisogna creare un’immagine positiva del mondo. E io non vedo alcuna ragione per non vedere al futuro positivamente. Non abbiamo mai avuto una vita così facile. Non siamo mai stati così in salute. Abbiamo tutto quello che vogliamo. E nonostante ciò siamo tristi e malinconici».

L’intervista in questione (che potete ascoltare integralmente nel video) è stata realizzata per un documentario dal titolo “We Feed the World”.

Il settantenne Brabeck è alla guida della la più grande multinazionale alimentare del pianeta da oltre un decennio. La Société des Produits Nestlé S.A., con sede a Vevey, in Svizzera, produce e distribuisce una grandissima varietà di prodotti alimentari, dall’acqua minerale agli omogeneizzati, dai surgelati ai latticini. Fondata nel 1866 dal farmacista Henri Nestlé (che aveva sviluppato un alimento per i neonati che non potevano essere nutriti al seno a causa di particolari intolleranze), oggi la società impiega 278.000 persone in aziende sparse nei cinque continenti del globo e ha un fatturato di sessantotto miliardi di euro e un utile di quasi otto miliardi. Il suo slogan è «Good food, good life» (cibo buono, vita sana).

Per contrastare le politiche, giudicate nefaste, della multinazionale, negli anni Settanta è sorto il Comitato internazionale per il boicottaggio della Nestlé. Raccoglie le denunce che giungono da tutto il mondo, intenta cause legali, denuncia scandali e lancia campagne di informazione sui prodotti Nestlé e sulla politica dell’azienda. Eccone alcune.

La Nestlé viene accusata di una politica commerciale aggressiva e irresponsabile per quanto riguarda la promozione di latte per neonati nei Paesi in via di sviluppo, soprattutto attraverso forniture gratuite a strutture ospedaliere. Secondo l’Unicef, la sostituzione dell’allattamento materno con il latte in polvere, avrebbe portato nei Paesi del Terzo Mondo alla morte di circa un milione e mezzo di bambini ogni anno, a causa di problematiche legate alla difficoltà di sterilizzazione dell’acqua e dei biberon utilizzati. Per queste ragioni l’Organizzazione mondiale della sanità adottò nel 1981, l’International Code of Marketing of Breast-milk Substitutes, un regolamento internazionale sulla promozione di surrogati del latte materno, linea guida non legalmente vincolante, al quale la Nestlé aderì nel 1982. Ma i controlli eseguiti nel 1988 dalla International Baby Food Action Network riscontrarono infrazioni da parte della Nestlé.

Nel 2002, l’agenzia Oxfam rivelò che la Nestlé aveva fatto causa all’Etiopia per sei milioni di dollari. L’Etiopia, uno dei Paesi più poveri del mondo, si trovava in un periodo di carestia e undici milioni di persone erano in pericolo di vita. La Nestlé aveva chiesto un risarcimento per un’azienda del settore agricolo di sua proprietà, nazionalizzata nel 1975 dal regime marxista di Mengistu.

Nel 2005, la Nestlé Purina commercializzò tonnellate di cibo per animali contaminato nel Venezuela. I marchi incriminati includevano Dog Chow, Cat Chow, Puppy Chow, Fiel, Friskies, Gatsy, K-Nina, Nutriperro, Perrarina e Pajarina. Morirono oltre quattrocento fra cani, gatti, uccelli e animali da allevamento. Il problema fu attribuito a un errore di un produttore locale, che aveva immagazzinato in modo scorretto il mais contenuto in tali cibi, portando alla diffusione di un fungo tossico nelle riserve. Nel marzo del 2005, l’assemblea nazionale del Venezuela stabilì che la Nestlé Purina era responsabile a causa di insufficienti controlli di qualità, e condannò l’azienda a risarcire i proprietari degli animali intossicati.

La Nestlé viene indicata come una delle compagnie (alimentari, cosmetiche o medicinali) che fanno uso di cellule HEK293 (una linea cellulare derivata da cellule embrionali renali umane), nella ricerca di nuovi esaltatori di sapore.

Nel 2005 l’ong International Labor Rights Fund, seguita da Global Exchange, denunciarono Nestlé e le aziende fornitrici di commodity, Archer Daniels Midland e Cargill per l’uso di manodopera ridotta in schiavitù, testimoniata da un caso di minori rapiti e portati illegalmente dal Mali alla Costa d’Avorio, e lì costretti a lavorare in piantagioni di cacao gratuitamente dalle dodici alle quattordici ore al giorno, con poco cibo e sonno, e frequenti percosse.

L’Organizzazione internazionale del lavoro stima che 284.000 minori lavorino nelle coltivazioni di cacao nell’Africa Occidentale, soprattutto in Costa d’Avorio, dove Nestlé è la terza compratrice mondiale. L’esportazione di cacao, oltretutto, sarebbe stata la principale fonte finanziaria per le forze militari della guerra civile.
Nel 2001 Nestlé e altri grandi produttori di cioccolato hanno firmato un accordo, il protocollo Harkin-Engel (o Protocollo sul cacao). Ciascuna azienda si prendeva l’impegno di non produrre cioccolato usando manodopera minorile, debitoria, forzata o proveniente da traffico di esseri umani. Il protocollo, secondo il più recente report dell’International Labor Rights Fund pubblicato nel 2008, sarebbe stato disatteso.

Nel 2009, la Nestlé italiana è stata condannata, insieme alla Tetrapak, al pagamento dei danni, per l’inquinamento del latte Nidina con Itx, un tipo di inchiostro.

Di seguito tutte le aziende e i marchi che fanno parte della galassia Nestlé:

Cereali
Cheerios (eccetto Usa)
Chocapic
Chokella
Cini Minis
Cinnamon Grahams
Clusters
Cookie Crisp
Crunch
Fibre1
Fitness
Force Flakes
Golden Grahams
Golden Nuggets
Honey Nut Cheerios (eccetto Usa)
Honey Stars
Koko Krunch
Nesquik
Nestlé Corn Flakes
Oat Cheerios
Shredded Wheat
Shreddies
Trix
Caffè e altre bevande solubili
Bonka
Coffee-Mate
International Roast
Klim
Loumidis
Nescafé
Nespray
Nespresso
Orzoro
Ricoffy
Ricoré
Taster’s Choice
Zoégas
Acqua
Aberfoyle
Acqua Panna
Acqua Vera
Al Manhal
Arrowhead
Contrex
Deer Park
Hépar
Ice Mountain
Levissima
Nałęczowianka
Nestlé Aquarel
Nestlé Pure Life
Ozarka
Pejo
Perrier
Poland Spring
Recoaro
Quézac
S. Pellegrino
San Bernardo
Viladrau
Vittel
Zephyrhills
Altre bevande
BBThè
Beltè
Nestea
Carnation
Caro
Chinò
Five5
Gingerino
Gloria
Libby’s
Milo
Nescau
Nestlé Omega Plus
Nesquik
Sanbitter
Svelty
Prodotti freschi
Buitoni
Chiquitin
Herta
La Laitière
La Lechera
LC1
Molico
Nestlé
Ski
Sveltesse
Svelty
Toll House
Yoco
Gelati
Antica gelateria del corso
Oreo (Canada)
Camy
Dreyer’s
Frisco
Motta Gelati
Mövenpick
Nestlé
Peters
Push-Up
Savory
Schöller
Valiojäätelö (Finlandia)
Alimenti per neonati
Alfare
Beba
Cérélac
FM 85
Fruttolo
Good Start
Guigoz
Lactogen
Mio
Nan
NAN HA
NanSoy
Neslac
Nestlé
Nestogen
Nestum
Nido
Nidina
Ninho
PreNan
Alimenti per sportivi
Neston
Nesvita
PowerBar
Alimenti per la salute
Modulen
Nutren
Nutren Junior
Peptamen
Peptamen UTI
Nestlé Nutrition (alimenti per disfagici)
Condimenti
Buitoni
Maggi
Thomy
Winiary
Cibi surgelati
Buitoni
Hot Pockets
Lean Cuisine
Maggi
Mare fresco
Stouffer’s
Cioccolato, dolci e biscotti
Aero
After Eight
Baby Ruth
Butterfinger
Cailler
Caramac
Coffee Crisp
Crunch
Damak (Turchia)
Fruit Joy
Kit Kat
Smarties
Perugina
Polo
Galak
La Lechera
Joe (Nestlé) (Romania)
Lion
Nestlé
Orion (Repubblica Ceca)
Quality Street Rolo
Toll House
Snack
Violet Crumble
Yorkie
The Willy Wonka Candy Company
Prodotti per la cucina 
Davigel
Milkmaid
Minor’s
Moça
Santa Rica
Cibo per animali
Alpo
Beneful
Dog Chow
Fancy Feast
Felix
Friskies
Gourmet
Mighty Dog
Mon Petit
ONE
Pro Plan
Purina
Tidy Cats

 

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: