Come ti santifico gli ogm..


Talvolta giova alla salute

L’industria del tabacco ogm ci salverà dal virus ebola

La scienza del fumo collabora al farmaco più promettente contro l’epidemia

di Giulia Pompili

Foto Ap

Non si sa ancora se sarà davvero un’azienda di soli nove dipendenti con base a San Diego a salvare il mondo – ma soprattutto l’Africa occidentale – dal virus ebola. Eppure Kent Brantly, il medico americano trentatreenne che aveva contratto il virus letale mentre prestava servizio in Liberia e trasferito all’ospedale di Atlanta il 2 agosto scorso, è stato il primo paziente a essere sottoposto alle cure con il farmaco sperimentale ZMapp, e ha dato subito segni di miglioramento. E ha iniziato le stesse cure anche Nancy Writebol, una missionaria cristiana in Liberia, anche lei atterrata ieri ad Atlanta.

Non esiste un vaccino o un trattamento specifico per il virus ebola, ma molti farmaci sono in fase di sviluppo. Per esempio quello della Mapp Biopharmaceutical Inc., fondata nel 2003, una piccola azienda che si occupa del trattamento di malattie infettive diretta da Larry Zeitlin, biologo. Sul suo sito internet gli unici comunicati stampa si riferiscono ad alcuni studi sul virus ebola, e di un trattamento sperimentato dal 2012 su alcune scimmie. I risultati sui primati, all’epoca, erano stati “sorprendenti”, come aveva dichiarato il virologo Gene Olinger dell’Istituto per la ricerca delle malattie infettive dell’esercito americano (UsaMriid). Gli studi alla MappBio sono infatti una collaborazione tra il governo americano e altri istituti di ricerca. Nessun “siero segreto” è stato iniettato ai pazienti americani, ma un farmaco che ha avuto una “via preferenziale” rispetto al protocollo di sperimentazione umana visti gli ottimi risultati ottenuti precedentemente. L’ebola è considerato una minaccia in caso di guerra biologica e bioterrorismo, per questo il governo americano (assieme a quello canadese) se ne occupa da almeno dieci anni.

 

ARTICOLI CORRELATI Morire di ebola Ma a essere sorprendente in questa storia è piuttosto il ruolo della Reynolds American Inc., la seconda compagnia di tabacco americana. Che c’entra il tabacco con l’ebola? Gli anticorpi alla base del farmaco ZMapp sono prodotti da un ceppo australiano della pianta di tabacco (la Nicotiana benthamiana). Le piante di tabacco modificate geneticamente sono coltivate in una serra di 23 ettari della Kentucky Bioprocessing di Owensboro, società acquistata nel gennaio scorso dalla Reynolds American, a sua volta affiliata al mostro americano R. J. Reynolds Tobacco. Lo stesso ceppo di tabacco è stato usato per alcuni farmaci sperimentali contro virus influenzali pandemici. Se la Nicotiana benthamiana attualmente coltivata con i soldi della R. J. Reynolds Tobacco fosse davvero alla base di un farmaco contro la diffusione del virus ebola, sarebbe un gran colpo per il colosso americano, simbolo (negativo) della nuova cultura ultrasalutista americana.

 

Scene di panico
L’ebola è un virus particolarmente aggressivo che causa una febbre emorragica e ha un tasso di mortalità tra il 60 e il 90 per cento. Da febbraio ha già ucciso quasi 900 persone in Africa occidentale. Oltre a evocare nell’immaginario collettivo l’incubo delle calamità raccontate nei film catastrofici di Hollywood, le epidemie hanno delle conseguenze sulla stabilità della regione in cui si diffondono, dal punto di vista sociale, ma anche economico – basti pensare al settore del turismo. E’ per questo che ogni focolaio diventa immediatamente una questione di sicurezza nazionale. Negli ultimi giorni in Corea del sud, per esempio, la notizia della diffusione del virus ebola era in apertura su tutti i giornali e il governo di Seul ha attivato un protocollo di screening da Grande fratello epidemico: negli aeroporti sono stati attivati dei monitor che controllano la temperatura corporea di ogni singolo passeggero. La psicosi sudcoreana è probabilmente legata al numero di pellegrini che sta raggiungendo la Corea in vista della visita di Papa Francesco a Seul, che inizia ufficialmente il 14 agosto. L’aspetto sociale è altrettanto destabilizzante: l’altroieri decine di persone hanno protestato bloccando alcune strade della capitale della Liberia, Monrovia, perché nessuno ha ancora spiegato loro cosa fare dei morti che si ritrovano in casa. Il governo liberiano ha messo in quarantena alcune zone del paese, le frontiere sono chiuse, i servizi sanitari al collasso. Le autorità hanno vietato il contatto con i cadaveri – principale veicolo del virus – ma intanto “in questo quartiere quattro persone sono morte” ha detto all’Afp un manifestante, “e nessuno di loro è stato sepolto”, aggiungendo che i tentativi di contattare il numero d’emergenza del ministero della Salute liberiano sono stati vani.

© FOGLIO QUOTIDIANO

 

http://www.ilfoglio.it/articoli/v/119802/rubriche/industria-del-tabacco-ogm-ci-salvera-dal-virus-ebola.htm

 

 

Annunci

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

One response to “Come ti santifico gli ogm..

  • Dario

    Gli “scienziati” che ho sempre appoggiato che si oppongono al movimento nazimalista contrario alla sperimentazione animale stanno ahimè diventando la loro brutta copia: estremismo, fanatismo, attacco dei “nemici” (chiunque non sia d’accordo anche con una sola virgola di quel che dicono, per esempio l’appartenenza a qualche credo religioso, l’opposizione al nucleare (appoggiata anche da molti prestigiosi scienziati), il fatto che dietro all’11 settembre ci sia qualcosa di anche solo non cristallino, ecc…) in ogni occasione fino ad abbassarsi ad augurare le peggiori cose e spronare alla discriminazione, con un senso di superiorità etica e morale da far invidia al più esaltato dei vegani. Questa premessa per quanto riguarda l’utilizzo di OGM nella realizzazione del farmaco in oggetto. Al di là del fatto che nemmeno nel mondo scientifico c’è uniformità di vedute sugli OGM, e non si parla di sedicenti scienziologi come Vannoni, in ogni caso il punto è un altro: la libertà del consumatore di sapere che cosa sta mangiando. Se come dite non c’è nulla da nascondere, per quale motivo non dovreste volere che gli alimenti prodotti, direttamente e non, con utilizzo di OGM vengano esplicitamente segnalati come tali riportando tale veritiera informazione? È lo stesso discorso che si faceva sull’apporre sui farmaci l’indicazione della sperimentazione sugli animali (tutti quanti quelli in commercio), così i seguaci del movimento animalaro si sarebbero trovati a scegliere fra la propria coerenza e la propria salute, e personalmente sono pienamente d’accordo con questa proposta fatta ai tempi da Caterina Simonsen (quella della “Simonsen Laboratories”) (ero ironico). Perché allora non si dovrebbe fare per i prodotti contenenti OGM? Questa non è una questione scientifica, nessuno vuole proibire gli OGM in assoluto, ma limitarli all’utilizzo in laboratorio, alla ricerca scientifica (proprio come in questo caso), non immetterli semplicemente sul mercato, e nel caso permettere al consumatore di poter scegliere, non ingannarlo facendogli mancare le corrette informazioni per una scelta consapevole. Senza contare il fatto che gli scienziati che si occupano di ambiente e natura, i biologi, mettono all’unanimità in guardia contro i rischi che la coltivazione a cielo aperto comporta non solo per la biodiversità (ma tanto “chissenefrega” della biodiversità e degli ecosistemi, no?) ma anche per le coltivazioni normali e biologiche per quanto riguarda il rischio assolutamente reale di contaminazione. Per concludere: felicissimo per questa notizia, indifferente per il fatto che ciò sia stato possibile grazie a piante di tabacco OGM in quanto non c’è nulla di male, il male sarebbe permettere che in Italia ed Europa venga consentito di utilizzare OGM in agricoltura e poi impedire al consumatore di venire a conoscenza di quali prodotti vorrebbe non acquistare sugli scaffali del supermercato. Punto. Razza d’ipocriti peggio degli animalardi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: