Il dottore che nel 1976 scoprì l’Ebola:


 tragedia inimmaginabile

Il dottore che nel 1976 scoprì l’Ebola: tragedia inimmaginabile

Peter Piot su The Guardian parla di “scenario apocalittico”: non è solo un’epidemia è “una catastrofe umanitaria”

“Nel 1976 ho scoperto l’Ebola – ora temo una tragedia inimmaginabile”. Peter Piot era ricercatore in un laboratorio di Anversa, quando un pilota gli portò il campione di sangue di una suora belga, ammalatasi misteriosamente in Zaire. Ora, il direttore di Igiene e medicina tropicale della London School avverte: “Intorno al mese di giugno per me è diventato chiaro che c’era qualcosa di diverso in quest’epidemia. Ho cominciato ad essere veramente preoccupato”, scrive The Guardian.

Dopo Yambuku, hai speso i successivi 30 anni della tua vita professionale nella lotta contro l’Aids. Ma ora è arrivata l’Ebola. Scienziati americani temono che centinaia di migliaia di persone potrebbero in definitiva essere infettati. C’era da aspettarsi una tale epidemia?
No, per niente. Al contrario, ho sempre pensato che l’Ebola, in confronto all’Aids o alla malaria, non si presentava come un gran problema, perché i focolai erano sempre brevi e locali. Intorno al mese di giugno per me è diventato chiaro che c’era qualcosa di fondamentalmente diverso in questa epidemia. Allo stesso tempo,  l’organizzazione umanitaria Medici Senza Frontiere ha lanciato l’allarme. Noi fiamminghi tendiamo ad essere piuttosto impassibili, ma è stato a quel punto che ho cominciato ad essere davvero preoccupato.

Perché hanno reagito così tardi?
Da un lato, è stato perché il loro ufficio regionale africano non è composto da persone capaci, ma da quelle con una nomina politica. E la sede di Ginevra ha subito grandi tagli di bilancio che erano stati concordati dagli Stati membri. Il dipartimento per la febbre emorragica e il responsabile per la gestione delle emergenze epidemiche sono stati colpiti duramente. Ma ad agosto ha riacquistato il suo ruolo di leadership.

Vi è in realtà una procedura consolidata per limitare i focolai di Ebola: isolando quelli infetti e approfondendo quelli che hanno avuto contatti con loro. Come potrebbe mai accadere una catastrofe come quella che stiamo vedendo?
Penso che sia quello che la gente chiama una tempesta perfetta: quando ogni circostanza individuale è di poco peggio rispetto al normale e poi si combinano per creare un disastro. E con questa epidemia ci sono stati molti fattori che sono stati svantaggiosi fin dall’inizio. Alcuni dei paesi coinvolti stavano faticosamente emergendo da terribili guerre civili, molti dei loro medici erano fuggiti e i loro sistemi sanitari erano crollati. In tutti la Liberia, per esempio, sono stati solo 51 i medici nel 2010, e molti di loro sono morti di Ebola.

Il fatto che l’epidemia sia iniziata nella regione di confine densamente popolata tra la Guinea, la Sierra Leone e la Liberia …
.. anche ha contribuito alla catastrofe. Perché le persone sono estremamente mobili, è stato molto più difficile del solito rintracciare coloro che avevano avuto contatti con le persone infette. Perché i morti in questa regione sono tradizionalmente sepolti nelle città e nei villaggi dove sono nati, ci sono stati cadaveri altamente contagiosi che hanno viaggiato avanti e indietro attraverso i confini. Il risultato è stato che l’epidemia è divampata in luoghi diversi.

Per la prima volta nella sua storia, il virus ha anche raggiunto metropoli come Monrovia e Freetown. È che la cosa peggiore che può accadere?
Nelle grandi città – in particolare nelle baraccopoli caotiche – è praticamente impossibile trovare coloro che hanno avuto contatto con i pazienti, non importa quanto grande sia lo sforzo. Ecco perché sono così preoccupato anche per la Nigeria. Il paese è sede di mega-città come Lagos e Port Harcourt, e se il virus Ebola comincia a diffondersi lì, sarebbe una catastrofe inimmaginabile.

Abbiamo perso completamente il controllo dell’epidemia?
Sono sempre stato un ottimista e credo che ora non abbiamo altra scelta che provare tutto, proprio tutto. E’ bene che gli Stati Uniti e alcuni altri paesi stiano finalmente cominciando ad aiutare. Ma la Germania o il Belgio, per esempio, devono fare molto di più. E dovrebbe essere chiaro a tutti noi: questo non è solo una epidemia . Si tratta di una catastrofe umanitaria. Non abbiamo solo bisogno di personale di assistenza, ma anche di esperti di logistica, camion, jeep e alimentari. Tale epidemia può destabilizzare intere regioni. Posso solo sperare che saremo in grado di controllarla. Non avrei mai pensato che poteva andare così male.

Che cosa si può davvero fare in una situazione in cui chiunque può infettarsi per le strade e, come in Monrovia, anche i taxi sono contaminati?
Abbiamo urgente bisogno di elaborare nuove strategie. Attualmente, gli aiutanti non sono più in grado di prendersi cura di tutti i pazienti nei centri di trattamento. Quindi coloro che danno le cure devono insegnare i membri della famiglia che forniscono assistenza ai pazienti per proteggersi dalle infezioni per quanto possibile. Questa è attualmente la sfida più grande. La Sierra Leone ha sperimentato un coprifuoco di tre giorni, nel tentativo di  appiattire almeno un po’ la curva di infezione. In un primo momento ho pensato: “E’ una pazzia”. Ma ora mi chiedo, “perché no?” Almeno, fino a quando tali misure non sono imposte con il potere militare.

Un coprifuoco di tre giorni suona un po’ disperato.
Sì, è piuttosto medievale. Ma cosa si può fare? Anche nel 2014, e noi non abbiamo alcun modo per combattere questo virus.

Pensi che potremmo essere di fronte l’inizio di una pandemia?
Ci saranno sicuramente i pazienti di Ebola dall’Africa che veranno da noi nella speranza di ricevere un trattamento. E potrebbero anche infettare un po’ di persone che possono poi morire. Ma un focolaio in Europa o Nord America sarebbe presto messo sotto controllo. Sono più preoccupato per le tante persone provenienti dall’India che lavorano nel commercio o nell’industria in Africa occidentale. Basta che ci sia uno solo di loro ad infettarsi, che si rechi in India per visitare i parenti durante il periodo di incubazione del virus, e poi, una volta ammalato, che vada lì in un ospedale pubblico . Medici e infermieri in India, troppo, spesso non indossano guanti di protezione. Sarebbero immediatamente infettati e il virus si diffonderebbe.

È in continua evoluzione il corredo genetico del virus. Più persone si infettano, maggiore è la probabilità che possa mutare …
… Che potrebbe accelerare la sua diffusione. Sì, questo è davvero lo scenario apocalittico. Gli esseri umani sono in realtà solo un ospite accidentale per il virus. Dal punto di vista del virus, non è auspicabile. L’agente patogeno spera di moltiplicare, e non morire così in fretta. Sarebbe molto meglio per il virus permetterci di rimanere in vita più a lungo.

Potrebbe il virus improvvisamente cambiare se stesso in modo tale da poter essere diffuso attraverso l’aria?
Come il morbillo, vuoi dire? Per fortuna è estremamente improbabile. Ma una mutazione che consenta ai pazienti di Ebola di vivere un paio di settimane più a lungo è certamente possibile e sarebbe vantaggioso per il virus. Ma consentirebbe ai pazienti di Ebola di infettare molte, molte più persone di quanto sia attualmente.

Ma questo è solo una considerazione, non è vero?
Certamente. Ma è solo uno dei tanti modi possibili in cui il virus potrebbe cambiare per diffondersi più facilmente. Ed è chiaro che il virus stia mutando.

Tu e due colleghi avete scritto un pezzo per il Wall Street Journal sostenendo il test di farmaci sperimentali. Pensi che potrebbe essere la soluzione?
I pazienti potrebbero probabilmente essere trattati più rapidamente con il siero di sangue dei sopravvissuti all’Ebola, anche se questo sarebbe probabilmente estremamente difficile date le condizioni caotiche locali. Abbiamo bisogno di sapere ora se questi metodi, o se i farmaci sperimentali come ZMapp, davvero aiutino. Ma dovremmo sicuramente non basarci interamente su nuovi trattamenti. Per la maggior parte delle persone, arriveranno troppo tardi per questa epidemia. Ma se aiutano, essi dovrebbero essere messi a disposizione per la prossima epidemia.

I test per due vaccini stanno anche cominciando. Ci vorrà un po’, ovviamente, ma potrebbe essere che solo un vaccino sia in grado di fermare l’epidemia?
Spero che non sia  il caso. Ma chi lo sa? Forse.

Nello Zaire durante quel primo focolaio, un ospedale con scarsa igiene è stato responsabile della diffusione della malattia. Oggi quasi la stessa cosa sta accadendo. Aveva ragione Louis Pasteur quando diceva: “Sono i microbi che avranno l’ultima parola”?
Certo, siamo molto lontani dal dichiarare la vittoria su batteri e virus. L’HIV è ancora qui;  solo a  Londra, quotidianamente si infettano cinque uomini gay. Un numero crescente di batteri sta diventando resistente agli antibiotici. E posso ancora ricordare come sono morti nelle loro baracche i pazienti di Ebola in Yambuku, e non abbiamo potuto fare altro che lasciarli morire. In linea di principio, oggi è ancora lo stesso. Questo è molto triste. Ma è anche una forte motivazione a fare qualcosa. Io amo la vita. Ecco perché sto facendo tutto il possibile per convincere i potenti di questo mondo a mandare finalmente aiuti sufficienti per l’Africa occidentale. Ora!

Scandalo Ebola negli Stati Uniti

GoldenStateFIRE_EMSUn tweet pubblico di un grande fornitore di prodotti sanitari d’emergenza afferma che il Disaster Assistance Response Team, équipe specializzata in “eventi ad alto rischio”, aveva ricevuto disposizioni, mesi addietro, di prepararsi per essere attivo a partire dal mese di ottobre.

La rivelazione scioccante, pubblicata in data 30 settembre u.s. sulla pagina Twitter GoldenStateFIRE/EMS, suggerisce che non solo qualcuno era a conoscenza che virus Ebola avrebbe raggiunto l’America, ma sapeva esattamente quando sarebbe successo.

Con virus Ebola confermato sul suolo americano, sono immancabilmente iniziate le speculazioni in merito a come è arrivato e quante altre persone possono essere entrate in contatto con il cosiddettopaziente zero.

Il pensiero tradizionale è che il virus ha seguito la strada verso gli Stati Uniti semplicemente a seguito di un individuo infetto entrato in contatto con un altro, e così via. Ma, un coro crescente di ricercatori contrari (fra i quali il sottoscritto) suggerisce un’altra possibilità: virus Ebola potrebbe essere stato virulentato in laboratorio come arma biologica. Questa potrebbe sembrare una possibilità bizzarra, ma in data 30 luglio 2014 la portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, nella sua dichiarazione ufficiale, ha specificamente indicato la crescente crisi come un “attacco Ebola“, suggerendo che non solo il virus è usato come arma, ma che il governo degli Stati Uniti è a conoscenza del fatto che non si tratta di un evento naturale.

Anche se la militarizzazione di un simile virus è difficile da realizzare, secondo il dottor Joe Alton(membro del American College of Surgeons)rimane una possibilità concreta.

Militarizzazione a parte, c’è una terza possibilità: il virus si è diffuso attraverso l’effetto contagio naturale, ma il suo ingresso negli Stati Uniti è stato facilitato da politiche di frontiera lassiste e procedure di screening aeroportuali inesistenti.

Che un fornitore importante di governo degli equipaggiamenti di emergenza sia uscito allo scoperto, per sostenere che le loro fonti avevano ricevuto direttive ancor prima della mobilitazione generale negli Stati Uniti, è uno sviluppo a dir poco sorprendente, considerando quello che è accaduto nelle ultime 72 ore e tutto ciò che è stato correttamente riportato da questo sito fino ad oggi in merito alla epidemia Ebola costruita a tavolino.

http://autismovaccini.org/2014/10/03/scandalo-ebola-negli-stati-uniti/

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: