Sarà stato un caso… o no?


VIDEO ERGO INGRASSO

Cuochi alla moda? Video, ergo ingrasso. questa bulimia omnicomprensiva ha anche la funzione di riempire il vuoto di valori che si è creato nella nostra società e che ci rende così vulnerabili difronte a culture e a mondi più spartani di Massimo Fini

Una volta c’era solo l’innocente Prova del cuoco, con un’ironica e autoironica Antonella Clerici che aveva l’aria di non crederci troppo. Adesso i programmi di tipo gastronomico che passano sulle Reti italiane sono una trentina o forse più. C’è naturalmente Masterchef (e anche un Masterchefper bambini) che viene presentato, nei toni e nei contenuti, più che come un onesto mangiare come una sorta di sfida all’O.K Corral.

 

Segue una sfilza di altri programmi tratti spesso da format americani o riproposti paro paro: Ale contro tuttiAlice Master Pizza, Anthony Bourdain:Viaggio di un cuoco,Bake Off Italia-Dolci in fornoIl boss delle cerimonieIl bossdelle torteIl boss delle torte: la sfidaCapotavolaCasa AliceChe diavolo dipasticceriaLa Chef e la BossCucina con AleCucina con BuddyCucina conRamsay, Cucina esplosivaCucine da incuboCuochi e fiammeDolci dopo il tiggìFast and FoodFinger Food FactoryFuori di gustoFuori menùGordon Ramsay-Cose dell’altro mondoGordon Ramsay’s F World,Gordon Ramsay: diavolo di unochefGourmet Trains: Viaggi del gusto,Grassi contro magriHell’s KitchenHollyfood- L’appetito vien guardando,I menù di Benedetta, Il club delle cuocheIl contadino cerca moglieIl re del cioccolatoJunk Good, L’ostLa bottega deiCupcakeMolto BeneLa notte degli chefOrrori da gustareParty PlannersPassa ilpiatto,Ramsay’s Best RestaurantRicette a coloriTi ci porto ioTorta dimatrimonio cercasiTorte da recordTutto in 24 ore. Già a questo punto a una persona normale verrebbe da vomitare (infatti vomita anche se in modo più sofisticato dei crapuloni dell’Antica Roma che si mettevano due dita in bocca per poter ricominciare). Alla Fiera del libro di Francoforte di quest’anno è stata creata per la prima volta una sezione dedicata al cibo, laGourmet gallery con 80 espositori provenienti da 30 paesi ed è stato inventato una sorta di Nobel del libro gastronomico vinto da 500 anni di fusion di Gastòn Acurio.

Il food è uno dei settori trainanti dell’economia. Non c’è città europea che non sia zeppa di ristoranti e ristorantini esotici.

Questa bulimia va di pari passo con un’altra delle ossessioni del nostro mondo quella delle diete, accompagnate, per chi se lo può permettere, dal personal trainer con cui tenersi in forma. I due fenomeni sono solo apparentemente in contraddizione, ma in realtà la loro combinazione è una perfetta metafora del nostro modello di sviluppo. Noi dobbiamo ingurgitare, cioè consumare, il più possibile, ma anche espellerlo il più rapidamente possibile. E’ la Crescita, bellezza. Ciò che cresce deve essere rapidamente distrutto per poter ricominciare. Se così non fosse salterebbe tutto il meccanismo su cui si sostiene la nostra società. Questo a livello di sistema. Individualmente è la stessa cosa: dobbiamo accaparrarci costantemente di nuovi gadget, nuovi I-Phone, nuove auto con varianti irrilevanti, nuovi vestiti, nuove scarpe, eccetera, eccetera. L’eterno dilemma se è nato prima l’uovo o la gallina qui è risolto. E’ il sistema, che ne ha estremo bisogno per non collassare, che ci convince, attraverso la pubblicità, vero motore di tutto l’ambaradan, a consumare non perché in realtà ci dia un vero piacere ma perché si possa continuare a produrre. Insomma l’uomo, ridotto a consumatore, è il lavandino, il water attraverso cui deve passare il più velocemente possibile ciò che altrettanto velocemente produciamo.

Naturalmente questa bulimia omnicomprensiva ha anche la funzione di riempire il vuoto di valori che si è creato nella nostra società e che ci rende così vulnerabili difronte a culture e a mondi più spartani. Non si tratta di nutrirsi di muschi e licheni come gli asceti e gli eremiti (anche se adesso ci vogliono gabellare i pipistrelli e i vermi come il non plus ultra della sofisticatezza alimentare) o di meditare solitari seduti su una colonna come gli stiliti, ma di ritrovare un onesto equilibrio nel nostro rapporto con il cibo e con tutto il resto. E io ho una grande nostalgia di quando con qualche amico si mettevano le gambe sotto il tavolaccio di una trattoria, con pane, salame e un buon bicchiere di rosso senza farsi le seghe mentali dei niente affatto innocenti cuochi alla moda.
Video, ergo ingrasso  di    Massimo Fini

Massimo Fini

http://www.ilcorrieredelleregioni.it/index.php?option=com_content&view=article&id=7306:video-ergo-ingrasso&catid=86:voci-dalla-rete&Itemid=114

Via il prosciutto, arrivano le cavallette

di Michele Rallo

omsSarà stato un caso… o no? Fatto sta che soltanto pochi giorni separano l’allarme-carne dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dal voto del Parlamento Europeo che dà il via-libera alla commercializzazione di “cibi tradizionali” (leggasi: a base di insetti) provenienti da Paesi extraeuropei. Piccolo particolare, da non sottovalutare: l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è una struttura dell’ONU, e il voto del Parlamento Europeo per il “rispetto delle diversità” segue le indicazioni dell’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) che è un’altra propaggine dell’ONU. In altri termini: i due progetti – quello anti-carne e quello pro-insetti – promanano da quella stessa Organizzazione delle Nazioni Unite che è uno dei principali pilastri della manovra a tenaglia contro le sovranità nazionali: immigrazione massiccia, globalizzazione economica, mondialismo politico.

A questo punto, prima di proseguire, apro una parentesi di ordine personale: il sottoscritto, pur senza condividere il radicalismo di certi ambienti vegetariani, è favorevole ad una conversione graduale delle abitudini alimentari europee (e mondiali) in direzione di un minore utilizzo della carne e di un maggiore ricorso agli alimenti vegetali. Quando dico graduale – apro una parentesi nella parentesi – intendo riferirmi soprattutto ai tempi necessari per garantire una parziale riconversione (che deve essere finanziata dalla collettività) di attività economiche zootecniche in agricole. Perché ciò? Prescindendo da valutazioni di ordine etico, perché il costante incremento della popolazione mondiale ed il mancato sviluppo delle tecnologie di depurazione delle acque rendono inevitabile una scelta che, soprattutto nelle regioni più povere del pianeta, si imporrà a breve scadenza: quella di utilizzare al meglio le risorse idriche; e, ciò, considerando che per produrre un solo chilogrammo di carne bovina sono necessari 15.000 litri di acqua, con i quali si potrebbero invece produrre da 15 a 30 chilogrammi di cibo vegetale.

larva_nella_pastaChiusa la parentesi, volta soprattutto ad evitare che si possa pensare ad una mia difesa preconcetta delle abitudini alimentari “carnivore”. Torno, dunque, alle due convergenti campagne alimentari: è un caso che l’ONU sostenga che una quota significativa della dieta “occidentale” sia cancerogena, e che invece siano da preferire modelli alimentari diversi (e, per il nostro gusto, rivoltanti) che provengono dalle zone più povere e remote del pianeta? Già, perché – ribadisco – la decisione del Parlamento Europeo non fa che tirare la volata ad una vecchia – e fin’ora inascoltata – campagna della FAO in favore dei cibi terzomondisti. Non – si badi – una campagna che proponga agli europei (e agli americani) di preferire una dieta “occidentale” a base di vegetali ad una dieta “occidentale” a base di carne; ma una promozione sottile, suadente, che mira a convincerci della praticabilità di una dieta per noi inimmaginabile, improponibile, inammissibile, assolutamente disgustosa, estranea, anzi contrapposta alle nostre abitudini, ai nostri gusti, alla nostra civiltà, alla nostra stessa identità antropologica.

La campagna era iniziata nel 2008, con un convegno altisonante tenutosi in Thailandia; e da allora è stato tutto un susseguirsi di “veline” profuse a piene mani nei Paesi meta dell’emigrazione afroasiatica, a incominciare dall’Italia. È stato tutto un pestare e ripestare, un ripetere la stessa stucchevole solfa che, anno dopo anno, abbiamo visto riproposta – sempre uguale – sulla stampa d’informazione e sugli schermi televisivi: segno che il Minculpop del politicamente corretto continua a funzionare. Gli insetti sono ricchi di proteine e vitamine, gli insetti non inquinano, gli insetti sono gustosi, gli insetti costano poco… manca solo che gli insetti siano democratici e antirazzisti. E giù statistiche accattivanti e ammiccamenti esotici, uniti alle lodi progressiste in favore del “novel food”, il “nuovo cibo” che – giurano e spergiurano i guru della società senza muri – sarà il cibo dell’avvenire.

Fin’ora nessuno – almeno qui in Italia, patria del mangiar bene – li aveva presi sul serio. Quelli della FAO “se la cantavano e se la suonavano” da soli, e gli stessi giornali che ospitavano le loro veline lo facevano con malcelata ironia.

Ma, negli ultimi giorni, qualcosa è cambiato: prima la campagna terroristica contro le carni rosse e lavorate; e poi, quando ancora non si erano spenti gli echi dell’allarme-prosciutto, l’affondo del Parlamento Europeo: sarà consentita l’importazione e la vendita di prodotti alimentari “tradizionali” extracomunitari; dove per “tradizionale” si intende “un alimento utilizzato per almeno 25 anni da una popolazione” (una popolazione anche di poche migliaia di individui, naturalmente).

insetto_tavolaLa cosa, in sé, potrebbe non essere grave. In fondo, chi si farà convincere a cibarsi di bruchi e scarabei lo farà a proprio rischio e pericolo ed in base alla fiducia ahimè riposta nelle istituzioni europee. E, tuttavia, la politica ha il dovere di tutelare tutti, anche gli ingenui, ed anche – seriamente parlando – coloro che, in questi tempi di miseria dilagante, potrebbero essere tentati da cibi più economici ancorché meno sicuri.

Ma c’è un altro aspetto che a me sembra particolarmente grave: una lotta sorda, sottile, per ora prudente contro le nostre abitudini alimentari e l’apologia di modelli estranei alla tradizione europea. È il perfetto pendant di quanto sta avvenendo in tutti gli altri campi della nostra vita civile e sociale. Un altro filamento del DNA del nuovo europeo geneticamente modificato: senza una propria identità, senza una propria cultura, senza una propria lingua (che non sia l’inglese), senza una propria religione e, adesso, anche senza una propria tavola. È il modello che i poteri forti sognano per l’Europa di domani: multietnica, multiconfessionale, multiculturale, e così povera da non potersi permettere neanche una bistecca.

Fonte: “Social”, 27 nov. 2015 (per gentile concessione dell’Autore)

http://www.ildiscrimine.com/via-il-prosciutto-arrivano-le-cavallette/

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: