SCIENZA ARMA LETALE ?


http://www.ilcorrieredelleregioni.it/index.php?option=com_content&view=article&id=8178:scienza-arma-letale-&catid=128:ass-animaliste&Itemid=159

    La scienza – La più letale arma di distruzione di massa. Albert Einstein scriveva: “Temo il giorno in cui la tecno/scienza andrà oltre la nostra umanità; il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti malati” di Gianni TirelliLA SCIENZA – LA PIU’ LETALE ARMA DI DISTRUZIONE DI MASSA di Gianni Tirelli

L’unica vera scienza, afferma Lev Tolstoj, è sapere distinguere il bene dal male.

E lo stesso Albert Einstein scriveva: “Temo il giorno in cui la tecno/scienza andrà oltre la nostra umanità; il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti malati”.

Mai una tale profezia si è letteralmente avverata ben oltre ogni altra previsione, e con tanta precisione.

Se l’uomo si fosse fermato di fronte ai dogmi posti dall’etica, non avrebbe raggiunto nemmeno una minima parte delle attuali “conoscenze”, frutto di quell’opera di profanazione, violazione e di manipolazione, il cui scopo ultimo non era il bene comune e la felicità dell’individuo ma il mero profitto particolare, il privilegio, la vanità e il potere; non che la soddisfazione in tempo reale di ogni vizio, perversione e dipendenza. Un piano demoniaco reso operativo attraverso lo sfruttamento intensivo dell’essere umano e di ogni risorsa terrena, che non ha tenuto in alcuna considerazione le controindicazioni e i devastanti effetti collaterali sugli individui e sull’ambiente tutto. Ed è proprio su questa considerazione che “casca l’asino” – perché sono gli scopi e suoi effetti sul mondo a decretare la bontà o meno di un’azione.

Ergo, il fine giustifica i mezzi, se il risultato ottenuto non mette a repentaglio o va a sacrificare i diritti degli altri, in termini di qualità della vita, di libertà, di salute, giustizia e uguaglianza.

“Grazie alla Scienza”, si afferma coralmente, il mondo è profondamente cambiato. Sarebbe più onesto dire che, il mondo si è ribaltato, è degenerato, provocando un’alterazione dell’equilibrio naturale i cui effetti catastrofici sono ben visibili a tutti.

I danni apocalittici provocati dall’applicazione della Scienza moderna in quest’ultimo secolo, non sono il frutto di un errore, di un’ingenuità o di una leggerezza, ma erano a tal punto conosciuti, lapalissiani a tutta la banda di scienziati e ricercatori al soldo del Sistema Potere, da farne il loro punto di forza e motivo di vita.

Sono finiti i bei tempi quando, il “grazie a Dio” era usato ad intercalare per affermare la permanenza di un buono stato di salute, di un’occupazione sicura, o per avere evitato un pericolo, un incidente, una sconfitta, un fallimento.

Oggi, paradossalmente, è stato sostituito dal “grazie alla Scienza”, a beneficio di una visione materialista e idolatra della vita, che ha fatto precipitare l’umanità dentro un ateismo oscurantista degno del peggiore retativismo etico.

Dati alla mano, possiamo ben dire che la moderna Scienza è sinonimo di

barbarie, di ignoranza, di inciviltà – l’esatto opposto di ciò che riteniamo sia il “sapere”. La Scienza si attesta oggi a contrario di bellezza, di salute, di felicità, di bontà, di solidarietà, di luce – il contrario di vita.

La contaminazione ambientale e alimentare sono la Scienza; bombe e armi di distruzione di massa, chimiche, nucleari batteriologiche, vaccini di sintesi, sono la Scienza – l’espianto d’organi, le cellule staminali, l’utero in affitto, la chirurgia estetica, e tutte quelle macchine infernali assemblate da Satana in persona, che tengono in stand-by corpi senza vita e prolungare così all’infinito una tortura lacerante in un esaltato accanimento sperimentale, degno del più spietato aguzzino nazista.

Scienza sono gli OGM, le biotecnologie, diserbanti, pesticidi, fertilizzanti, causa di patologie tumorali, neurodegenerative e croniche, innescate dall’assunzione di letali sostanze chimiche di sintesi, che la stessa Scienza ha immesso nella catena alimentare per la nostra felicità.

Scienza, sono i cambiamenti climatici, la desertificazione, la deforestazione, la fusione dei ghiacciai, la mancanza d’acqua potabile, la fame e la sete nel mondo. Scienza sono i metalli pesanti che aerei di morte disperdono senza sosta nei nostri cieli. Scienza sono le radiazioni ionizzanti dei cellulari, sono le microonde, i campi magnetici. Scienza significa discariche, rifiuti, scorie tossiche e inceneritori, e ogni cosa che si accanisce sul nostro corpo e sul nostro spirito.

Scienza è il buio più profondo. Scienza è dolore, tortura e morte certa; la peggiore delle calamità, l’espressione più perversa della necrofilia applicata in versione globale.

E grazie a lei, grazie alla Scienza, potremmo assistere alla fine del pianeta in diretta TV, standocene comodamente seduti sul divano delle libertà, fra un selfie e una chat, mentre un tumore al nervo trigemino disturba la visione della nostra fine.

 

Gianni Tirelli

 

Gianni Tirelli, nasce a Pralboino (Bs) il 7 dicembre del 1957, sagittario è un autore, compositore, discografico, scrittore e aforista.  Oggi vive in Calabria sulla costa ionica, fra ulivi, mandorli e limoni, di fronte a uno dei mari più belli del mondo, alternando il lavoro creativo a quello manuale a stretto contatto con la natura, suo indiscusso e unico amore. Ha pubblicato un libro di aforismi, “Pensieri Biologici” ed. Nuove Scritture, e un saggio filosofico “Verità Relativa” per “Sofia Editore”. Nel 2010 pubblica per “Odissea” un libro di aforismi: “il cacciatore di pietre”. Antesignano e “profeta” dei problemi globali che si addensano all’orizzonte della modernità, negli ultimi anni ha dato voce alle coscienze impegnandosi attivamente, senza risparmio di energie, al fine di sensibilizzarle. Partecipa come relatore al movimento P.O.P (Planet of people), che organizza iniziative culturali allo scopo di evidenziare e diffondere una nuova cultura sostenibile, responsabile e spirituale. Ha da poco completato un testo dal titolo “Relativismo e spiritualità attiva” che tratta degli strumenti atti a riconvertire le illusorie finalità del sistema liberista, nei fondamentali bisogni essenziali dell’archetipo dell’individuo. Da un paio d’anni si cimenta come giornalista pubblicando vari articoli, editoriali e lettere, su settimanali e quotidiani nazionali e diversi Blog. Nel 2011 publica “Grande libro delle verità e della follia” (volume 1°) edito da “Nuove Scritture”; uno zibaldone dai contenuti pragmatici e carico di una straordinaria forza empatica che spazia a 360° sulle paure, sui vizi e le insensatezze dell’individuo omologato del terzo millenio. Anno 2012 pubblica il lavoro “Scritti alla fine del mondo” distribuito Wondermark/Amazon e nel 2014 viene pubblicato il suo “Manuale di sopravvivenza all’imminente implosione del Sistema” per “Sophia Editore” – e a dicembre dello stesso anno, esce “Contaminazione”. Oggi Tirelli sta lavorando ad un saggio del quale ha già il titolo; “Il punto di vista di Dio”, che tratta il tema dell’ateismo dilagante nelle società consumiste occidentali.

In redazione il 06 Marzo 2016

http://www.ilcorrieredelleregioni.it/index.php?option=com_content&view=article&id=8178:scienza-arma-letale-&catid=128:ass-animaliste&Itemid=159

 

 

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: