Lavorare negli Stati Uniti.


Virus da laboratorio

Ricevo dall’amica Paola e volentieri pubblico. Osservo come l’avidità (es.: titoli finanziari legati ai morti da virus, e virus inventati in laboratorio!) sia alla base di molti mali del mondo. veramente il denaro può essere definito lo sterco del demonio.

virus-fraud

-oOo-

Il giornale “Il Corriere della Sera”  del 16/5/2016  http://www.corriere.it/cultura/16_maggio_30/mieli-21a185be-25c8-11e6-8b7b-cc77e9e204b3.shtml     riporta la notizia che   la ricercatrice italiana Ilaria Capua ,  già vicepresidente della Commissione  Cultura, lascerà l’Italia per andare a lavorare negli Stati Uniti. (nota mia: paolo Mieli approfitta dell’occasione per dare contro all’Italia, che perderebbe le sue migliori menti a causa di una mentalità ristretta: la creazione di virus in laboratorio, secondo il direttore fratello maggiore, sarebbe una necessità giustificata dal terrorismo. Ma crede ancora alla stora dei terroristi barbuti che da una caverna in Afghanistan avrebbero pilotato il più sofisticato e micidiale attentato della storia???’)

L’argomento dei virus creati in laboratorio, allo scopo di produrre un preventivo vaccino,  è fra i più inquietanti,  come si può comprendere da quanto  segue:
“Aviaria,    Nature pubblica la ricetta del supervirus letale
Così, dopo 5 mesi di consultazioni tra la comunità scientifica, organismi governativi e, perché no, anche servizi segreti, l’identikit del supervirus dell’influenza, la variante dell’H5N1 è accessibile a tutti.
La rivista Nature ha svelato infatti i sistemi utilizzati da un laboratorio ad altissima sicurezza dell’università del Wisconsin per ottenere un mix fatale che mette insieme la capacità letale dell’aviaria con la rapidità di contagio della suina.
A dicembre dello scorso anno il National Science Advisory Board for Biosecurity (Nsabb) aveva chiesto il blocco della pubblicazione, circostanza che aveva suscitato un vespaio di polemiche alimentate da una parte della comunità scientifica che considerava l’intervento come una vera censura.

Il supervirus, secondo i ricercatori che lo avevano prodotto, aveva lo scopo di consentire lo studio dei punti deboli per poter successivamente individuare un vaccino. Yoshihiro Kawaoka dell’università del Wisconsin e Ron Fouchier di Rotterdam, convocati proprio dal Nsabb assicurarono che microrganismo era protetto in un laboratorio fornito di una sicurezza straordinaria.

Quello che maggiormente preoccupava i “censori” era la facilità con cui il virus killer era stato prodotto. Negli esperimenti condotti nel Wisconsin furono sufficienti solo quattro mutazioni del genoma, cinque in quelli di Rotterdam.

Già nel governo statunitense e nei servizi segreti si paventava la possibilità che bioterroristi potessero venire a conoscenza del procedimento, ma qualche mese dopo, ad Aprile, gli 007 americani hanno rassicurato le autorità statunitensi riferendo sulla scarsa competenza scientifica dei terroristi, almeno per il momento.

Così, sulla base di queste informazioni, e spinti dall’esigenza di arrivare alla realizzazione di un vaccino, sia il governo americano che il Nsabb sono tornati sulle loro posizioni. Circostanza che deve evidentemente aver persuaso anche le autorità olandesi.

Così, sia il lavoro dell’università del Wisconsin che quello di Rotterdam hanno ricevuto il benestare per la pubblicazione. Nature lo ha già fatto, ma anche l’altra autorevole rivista, Science, pubblicherà lo studio di Rotterdam.”
(Fonte secondaria: vitadidonna.it/news-salute)

La notizia suindicata è stata divulgata anche dalla trasmissione televisiva “Leonardo”, in onda su Rai3 il  7 maggio 2012, che ha confermato che il virus è stato reso trasmissibile per via aerea tra gli umani al fine di produrre un adeguato preventivo vaccino.

Ha creato molto interesse la testimonianza del giovane manager italiano di una fra le più grandi banche d’affari mondiali dalla quale, nel 2005, si è licenziato perché si è rifiutato di vendere derivati che scommettevano sulle morti di aviaria. In questo link l’intervista rilasciata alla TV La7 trasmissione “Otto e mezzo” del 15-3-2012:http://www.youtube.com/watch?v=KTtdtFXh14Q  (a 14′ dall’inizio: derivati su aviaria)

Un caro saluto.   Paola  Botta Beltramo

31 maggio 2016 Lascia un commento Scritto da Alberto Medici http://www.ingannati.it/2016/05/31/virus-da-laboratorio/

 

 

Informazioni su totolemako

vecchio studente con curiosità nuove e infinite delusioni dalla stampa omologata Vedi tutti gli articoli di totolemako

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: