La libertà di stampa ha un grande valore


IL GRANDE GIORNALISMO ITALIANO

Il vero titolo doveva essere: “Il vaccino anti-morbillo non funziona!”. Infatti, se i sette contagiati erano vaccinati, come mai hanno contratto la malattia? 

…e poi avviare subito un’inchiesta sui vaccini inefficaci, ed altamente pericolosi. S’intende, dopo  aver seguito un corso obbligatorio in logica  formale

Continua a leggere

Annunci

X file


È il sogno proibito di tutte le case farmaceutiche. Una malattia che non c’è ancora, ma che deve per forza esistere, annidata là fuori da qualche parte, alla quale noi dovremo semplicemente dare un nome, una volta che l’avremo scoperta.

Per ora la chiameremo semplicemente malattia X.

Guardata cosa scrive Eco Health Alliance, una organizzazione dedicata allo studio delle pandemie nel mondo. L’articolo si intitola “Malattia X: la prossima pandemia

“A molte miglia dalla città più vicina, nascosto negli anfratti scuri di una grotta nella provincia Guangdong, lui aspetta. O forse si nasconde negli alti fogliami che avvolgono il fiume Kinabatangan. O forse giace dormiente in una delle migliaia di specie originarie dell’Amazzonia. E’ la malattia X.”

Continua a leggere


“E’ inevitabile la povertà?


Il vero costo del cibo e dei farmaci in Africa: tutto quello che l’Africa possiede

PHIL BUTLER
journal-neo.org

Che cosa sta veramente facendo in Africa la Bill & Melinda Gates Foundation? Un recente Goalkeepers report di questa settimana, intitolato “E’ inevitabile la povertà?”, aveva attirato la mia attenzione. Con il caratteristico codazzo di scrittori per miliardari al loro servizio, la coppia di filantropi più famosa del mondo richiama l’attenzione sul tasso di natalità, sulla povertà e sulle patologie africane. La vera agenda della fondazione ha molto poco a che vedere con l’altruismo.

Continua a leggere


Il principio di precauzione


I vaccini in Giappone sottostanno al principio di precauzione: il paese ha i tassi più bassi di mortalità infantile

I vaccini in Giappone sottostanno al principio di precauzione: il paese ha i tassi più bassi di mortalità infantile

Fonte: AmboenteBio

Continua a leggere


Gli untori


9 months old baby receiving vaccination.

“NON CONFORME” La dittatura senza lacrime (a parte quelle dei bambini sani esclusi)

Ci sarà in una delle prossime generazioni un metodo farmacologico per far amare alle persone la loro condizione di servi e quindi produrre dittature, come dire, senza lacrime; una sorta di campo di concentramento indolore per intere società in cui le persone saranno private di fatto delle loro libertà, ma ne saranno piuttosto felici. (Huxley, discorso al California Medical School di San Francisco, 1961)

Discorso a un bambino

Oggi, mentre guidavo, siccome Radio Freccia non si prendeva bene sono capitata su Capital (cacofonia da sconforto), che spesso mette buona musica, ma oggi emetteva disinformazione nel classico teatrino senza dibattito dove uno speaker di cui non ho colto il nome, forse un ‘esperto’ esterno invitato, derideva frasi attribuite ai “no-vax”, fra queste la frase “mio figlio è sano perché dovrebbe essere escluso?”, alla quale seguiva un effluvio di offese raglianti sul presunto egoismo di questi genitori “perché se tu vaccini proteggi chi non può farlo” bla bla bla. Allora una volta per tutte, prima di arrivare a questi atti abominevoli compiuti da dirigenti ignoranti che meriterebbero di dirigere tutt’al più le pulizie domestiche della propria anti-pedagogia (non nel senso del bellissimo Discorso a un bambino di Marcello Bernardi o don Milani, ma di chi diviene ostacolo anziché guida al paidos e necessita di essere rieducato), ribadiamo la Guida per i pazienti immunodepressidell’ospedale Johns Hopkins che indicano che eventualmente

Continua a leggere


17 Anni fa..



Mangia, bevi e..


Big Food vorrebbe farvi credere che l’obesità è dovuta alla mancanza di esercizio fisico e non al cibo spazzatura

MARTHA ROSENBERG
counterpunch.org

Secondo il New York Times, nel 2017 c’erano in tutto il mondo 700 milioni di persone obese, di cui 108 milioni di bambini. In Brasile, la multinazionale Nestlé manda dei venditori porta a porta per rifilare ai clienti il suo cibo spazzatura ricco di calorie e concede loro un mese intero per pagarlo. La Nestlé chiama gli agenti di vendita del suo cibo spazzatura, anch’essi degli obesi, “micro-imprenditori.”

Big Food [l’insieme delle multinazionali dell’alimentazione] considera le nazioni in via di sviluppo alla stregua di “mercati emergenti,” per compiacere Wall Street e i propri azionisti, forse perché nei paesi ricchi il far ingrassare la gente e renderla dipendente dal cibo spazzatura ha ormai raggiunto il limite massimo.

Continua a leggere